Tutti pazzi per la nuova Feltrinelli di Lecce

0
469

La feltrinelliLecce“Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”. Questa la citazione di Primo Levi stampata in una delle vetrine del nuovissimo store Feltrinelli, inaugurato lo scorso giovedì 14 Novembre in via Templari a Lecce.
Non solo una “mega-libreria”, ma anche un angolo bar con focacceria e tanti posti a sedere. Un vero punto d’incontro, a metà tra una biblioteca e casa propria: comodamente seduti al tavolo, magari con amici a sorseggiare una tazza di cappuccino o a prendere un aperitivo, ci si ritrova a dare uno sguardo all’ultimo capolavoro letterario di Erri De Luca oppure ad un classico di Euripide.

Un luogo caldo, confortevole e intimo, dove si ha un po’ la sensazione di essere nel salotto di casa propria. La luce calda che si propaga dai paralumi, l’odore del caffè appena fatto vanno sicuramente a braccetto con i numerosissimi volumi in vendita,  da cui si è praticamente circondati: narrativa, gialli, classici, enogastronomia; e poi basta scendere al piano interrato per trovare Best Seller internazionali, storia, filosofia, ma anche musica, film e un ampio spazio dedicato ai più piccoli del “Kids Club”. Libri a partire da 0 mesi per stimolare le capacità di apprendimento dei bambini, ma anche per divertirli e incrementare la loro passione per la lettura e la voglia di scoperte nuove. Per non trascurare la loro creatività ecco lì pronti tavolini, sedioline, fogli bianchi e tanti pennarelli colorati.
“Vietato” andare via senza prima attaccare i disegni dei piccoli al muro con le apposite calamite: le pareti diventano, quindi, “arredamento di espressione”, così come dimostrano le tante citazioni che ci ritroviamo scritte sopra. Da Luciana Littizzetto, passando per Oscar Wilde sino a Primo Levi, è chiaro che ognuno di noi ha qualcosa da dire e quindi da imparare, e non c’è altro modo di farlo se non “conoscendo”.

Buona lettura…

{loadposition addthis}

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleVendola ride sulle morti dell’Ilva ?
Next articleChe confusione