“TUGLIE IN…FESTA 2015”: il 20 luglio la festa finale della quinta edizione di Tuglie Incontra – Festival Nazionale del Libro

0
333

Nella lunga notte in programma letture animate per bambini, The Sprockets, Girovaghi, Libri in Piazza, Trip – Viaggio nel Salento tra Santi e Fanti di Factory Compagnia, Salento Funk Orchestra e degustazioni di prodotti tipici

Tuglie in festa 2015Tuglie (Le) – Si conclude con una grande festa in piazza Garibaldi, a Tuglie, la quinta edizione di “Tuglie Incontra”, il Festival Nazionale del Libro, organizzato e diretto artisticamente dal giornalista Gianpiero Pisanello.

 

Oltre diecimila lettori hanno preso parte agli otto incontri previsti in cartellone con la presenza di grandi nomi del mondo della cultura, del giornalismo e dello spettacolo come Albano Carrisi, Rita Borsellino, Andrea Scanzi, Ferzan Ozpetek, Federico Rampini, Adua Villa, Paola Maugeri, Gianluca Longo, Fabio Zavattaro, Mons. Vito Angiuli, Don Antonio Sciortino e Antonio Caprarica.

Lunedì 20 luglio 2015, a partire dalle ore 21, in piazza Garibaldi, si svolge la festa finale del Festival Nazionale del Libro con letture animate per bambini, The Sprockets, GirovaghiLibri in Piazza, Trip – Viaggio nel Salento tra Santi e Fanti di Factory CompagniaSalento Funk Orchestra e degustazioni di prodotti tipici.

Per una notte, nel cuore pulsante di Tuglie, magia, luce e musica si fondono in percorsi inestricabili, che nascono le suggestive movenze dei singoli artisti. Giocolieri, performer, trampolieri, bande di strada e teatro conferiscono l’ultimo tocco di colore, follia ed allegria a questo caleidoscopio di artisti, che tramandano un mestiere tanto antico quanto suggestivo.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, nasce l’osservatorio comunale sanitario permanente
Next articleNovoli, notte di terrore per un’anziana signora