“Lecce legge”: la biblioteca di recupero Culturista Bibliolab si sposta alle Officine Cantelmo

0
526

Culturista1Lecce – In un’Italia in cui si legge sempre di meno e si scrive sempre di più, è bello segnalare un’iniziativa come quella di cinque giovani amanti della lettura che qualche mese fa hanno dato vita all’associazione culturale Culturista Bibliolab. E la notizia è che da oggi l’associazione si è spostata, nel pieno centro della città, istituendo la sua biblioteca di recupero all’interno delle Officine Cantelmo di Lecce, viale M. De Pietro 12.

Biblioteca di recupero basata sul dono: chiunque può regalare all’associazione un libro usato, già letto, a cui dare una seconda vita, e nel giro di pochi mesi è riuscita ad accumulare già più di trecento volumi. «Abbiamo apprezzato molto il lavoro svolto in questi mesi dai ragazzi del Culturista Bibliolab – ha dichiarato MarcoCulturista2 Cataldo, presidente della Società Cooperativa Officine Cantelmo – e per questo abbiamo deciso di ospitare il loro progetto, decisione che si sposa appieno con lo spirito di questo spazio, da sempre incubatore delle energie giovanili del territorio».

 

 La bibliolab è aperta dal lunedì al venerdì, dalle 16.30 alle 20.30, ed è possibile prendere in prestito o semplicemente consultare (grazie ad una piccola area lettura) qualsiasi volume presente nella biblioteca. Il Culturista Bibliolab sta lavorando, inoltre, ad una densa programmazione di eventi.

Oltre a “Il libro sul cuscino”, format innovativo di presentazioni informali, in cui il pubblico è a diretto contatto con l’autore, comodamente seduto su tappeti e cuscini, i ragazzi dell’associazione stanno lavorando a nuove attività ed eventi, per rendere sempre più la lettura un momento da vivere insieme, in un ambiente accogliente e giovane.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleDuplice incidente oggi a Novoli
Next articleMigranti, indignazione tipicamente italica per un corso di vela organizzato dall’Arci Lecce