Lecce, il 10 dicembre al Fondo Verri, la scrittrice Ursula Orelli presenta il suo romanzo “Mela amara

0
299

Mela amaraLecceMercoledì 10 dicembre, alle 19.00, al Fondo Verri di Lecce, Eliana Forcignanò presenta la scrittrice Ursula Orelli e il suo romanzo “Mela amara” (Iris4 edizioni). Musiche di Roberto Mangialardo.

Rassomiglia a una lunga pergamena forzosamente infilata in una bottiglia, l’anoressia. Qualcuno scaglia con inaudita violenza la bottiglia in mare aperto. Possono trascorrere anni prima che il prezioso messaggio sia ritrovato: le alghe incrostano il tappo; la pergamena, corrosa dalla salsedine, è divenuta illeggibile. Come ricomporre il prezioso messaggio? Come ricomporre il puzzle, per appenderlo con una cornice più salda?

Rassomiglia a una mela rossa offerta da una strega, l’anoressia. Sembra un frutto invitante, ma basta un morso per smarrire definitivamente la voglia di nutrirsi. Di vivere. L’anoressia è un gioco al massacro. Un tentativo di obliare il passato, esercitando un controllo spasmodico sul presente e su se stessi. Perché il passato diventi un incubo lontano. Perché il presente sia un gioco di morte.

Ursula Orelli, scrittrice al suo esordio, racconta l’anoressia psicogena nel bellissimo Mela amara, romanzo di cuore e cervello, di muscoli tesi e affetti violati.

Chiara Rey, protagonista della storia, è una giovane nata e cresciuta in una famiglia benestante. L’agio economico della famiglia Rey è, però, il frutto di opprimenti segreti che, ormai divenuta donna, Chiara cercherà di scoprire pagando un prezzo troppo alto. Accanto a lei, insostituibile alleato, uno psicoterapeuta capace di guardare oltre la scheletrica immagine della sua paziente riflessa nello specchio. Due amici, Roberta e Giulio, più simili ad angeli custodi. Una tata premurosa.

Un romanzo coinvolgente, scritto tutto d’un fiato e all’insegna di una scrittura che guarisce anche le piaghe più profonde.

Ursula Vaniglia Orelli nasce a Roma, ma vive a Cerveteri. Da sempre attiva nel sociale e nella lotta contro le discriminazioni, con Mario Mazzetti e Vito Salvemini è socio fondatore della Pradap, associazione no profit per lo studio e la cura dei disturbi dell’alimentazione psicogeni. È al suo esordio editoriale.

Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di Paisemiu.com

 

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, con la festa della vite, inizia il 13 dicembre la costruzione della grande fòcara (2)
Next articleNovoli Calcio, arriva la punta Rizzo