A Novoli si “viaggia” con Il Teatro delle Rane: va in scena “Racconti di viaggio, le direzioni opposte (Primo studio)”.

0
554

10413342 355981611253026 1480568198675941907 nNovoli (Le) – “Racconti di viaggio, le direzioni opposte (Primo studio)” questo il titolo dello spettacolo che il Teatro delle Rane di Leverano metterà in scena nel teatro comunale di Novoli il 14 gennaio alle ore 20.00. La regia è di Antonio dell’Anna e vede la partecipazione degli attori: Ilaria Costa, Luciano Lezzi,  Piergiorgio Martena, Giovanni Nestola, Roberta Paladini, Marilù Valentino e Orazio Zecca.
Passi nella polvere, impronte di un cammino, traccia di un pensiero, di un sogno, di una meta da raggiungere: Il viaggio.   
I naviganti, viaggiatori per eccellenza, sono sorridenti perché  cavalcano le onde del mare,  scorgono nuovi luoghi tramite l’utilizzo di un cannocchiale  e  soddisfano il loro desiderio di fuga. Da sempre  il mare è stato una piccola grande fonte di speranza, compagno di avventure e sventure dell’uomo ed ha visto pellegrini come Jacopo da Verona partire da Venezia e giungere a Gerusalemme, toccando anche le sponde di Otranto, per ricercare il divino.

Il viaggio, dunque, è  metafora della vita stessa e si traduce, spesso, nella riscoperta di se stessi.

Ci sono viaggi che “portano via” l’uomo, si tratta di viaggi che lo allontanano dallo specchio dei pregiudizi, dalle frivolezze che offe la sua quotidianità  e che spesso lo conducono in un luogo non definito, non familiare ma nuovo, denominato,  “altrove”.
Ci sono, invece, altri viaggi che riportano l’animo umano alla propria dimora, nonostante tutto. Quanta gente ritorna nella sua terra dopo molto tempo di assenza? Quante persone sentono il richiamo del luogo natio e riscoprono vecchi sapori, odori, visioni?  Anche questi sono viaggi, solo che sono svolti in direzioni opposte.

“Si cammina per divenire persone singole ed umanità “.

La porta del viaggio, non sempre è aperta, si trova semi chiusa a causa della morsa dell’inospitalità: come se il pellegrino fosse un invitato non gradito ad una tavola comune,  quella  del mondo. 

Ci sono volte in cui il viaggio è spianato da vite distrutte, da lacrime di donne che vedono partire i loro mariti e che le asciugano cullando neonate speranze di luce  e dal dolore di chi vede solo il buio in un cristallino Mar Mediterraneo.

Come diceva il sommo poeta:  “Libertà va cercando, ch’è sì cara, / come sa chi per lei vita rifiuta” (Pg I 71)

Dunque, sospeso tra passato e presente, attraversando più storie, realtà diverse, frammenti di vita vissute, lo spettatore sarà invitato a compiere un viaggio. Non importa ciò che ritrova lungo il cammino, l’importante è cercare e credere in ciò che si sta cercando.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleFutsal Lecce, solo un pari con la capolista Latiano e tanto rammarico
Next articleL’arte enoica di Arianna Greco presso Eataly Roma