Porto Cesareo, oltre 4000 ricci sequestrati nell’area marina protetta

0
411

Operazione congiunta AMP Porto Cesareo – Sezione Operativa Navale Guardia di Finanza di Gallipoli

Ricci di marePorto Cesareo (Le) – Importante operazione congiunta di tutela dell’ambiente marino sul litorale Jonico-Cesarino, effettuata sinergicamente dal personale dell’omonima Area Marina Protetta e dagli uomini della Sezione Operativa Navale Guardia di Finanza di Gallipoli.

Le attività di controllo del territorio e di salvaguardia e tutela ambientale, hanno portato ad effettuare l’ennesimo ingente sequestro di ricci di mare, specie della quale è vietata la pesca in area sottoposta a vincolo ambientale. Va infatti segnalato che il sequestro è avvenuto proprio nella Riserva Marina Cesarina e specificatamente nella fascia nella quale è vietata la pesca subacquea (quindi anche e soprattutto dei ricci) ancor peggio se la pesca subacquea, come in questo caso, è stata effettuata in immersione con autorespiratore.

Questi i fatti. Nelle prime ore di questa mattina i militari della Sezione Operativa Navale Guardia di Finanza di Gallipoli  hanno eseguito un sequestro di oltre 4000 ricci elevando due verbali amministrativi per un totale importo di ben 4.000 euro, due denunce penali a piede libero con sequestro di un’imbarcazione da diporto con motore fuoribordo e due di bombole da sub complete di erogatore, nei confronti di due pescatori di frodo. L’attività è degna di nota sia per il grosso quantitativo ma anche perché il pescato sottoposto a sequestro, successivamente è stato nuovamente rigettato in mare ancora vivo nella stessa zona da dove era stato pescato illegalmente. Soddisfazione è stata espressa da tutte le forze impegnate. Il controvalore del pescato ammonta a circa 1.300 euro.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, taglio del nastro per EXTERNA 2015, la quarta edizione della fiera nazionale per l’arredo degli spazi esterni
Next articleLecce, al Fondo Verri torna “Il libro sul cuscino”. Il 3 maggio, con Salvo Fuggiano, si presenta “La favola del silenzio”