Maltrattamenti e richieste di denaro alla madre: tossicodipendente di Calimera condannato a 2 anni e 4 mesi

0
689

Figlio picchia madreCalimera (Le) – Ripetute richieste di denaro per comprare sostanze stupefacenti, con l’aggiunta di maltrattamenti, minacce e offese nei confronti della madre. Condannato con rito abbreviato un tossicodipendente di Calimera, dopo l’arresto dell’ottobre scorso.
Il GUP, Antonia Martalò ha sentenziato una pena di 2 anni e 4 mesi di reclusione, oltre ad una sanzione di 600 euro, al 37enne M.P. Il Pubblico Ministero, Angela Rotondano, aveva invocato per lui la stessa condanna con l’accusa di estorsione e maltrattamenti in famiglia.

Il giudice, oltre ad applicare  la scelta del rito abbreviato, ha  concesso le attenuanti generiche prevalenti sulla contestata recidiva. Accolta così la richiesta dei difensori, gli avvocati Francesco Spagnolo e Paolo Licci. 

Secondo l’accusa, rappresentata dal  sostituto procuratore Maria Vallefuoco, il 37enne di Calimera maltrattava la madre che viveva con lui, insultandola ripetutamente e continuamente con minacce ed ingiurie. Inoltre la picchiava (nonostante gli avvocati difensori dell’uomo sostengano che non ci sono mai stati episodi di violenza fisica) per impossessarsi del  denaro necessario per l’acquisto  delle sostanze stupefacenti. 

Nell’ultimo episodio contestato e che gli è costato l’arresto, la madre si sarebbe rifiutata di dare 20 euro e il figlio avrebbe agito brutalmente, afferrandola per il collo e sbattendola contro il suo corpo. La violenta reazione ha poi procurato alla donna un forte trauma cervicale e la contusione allo zigomo sinistro. All’epoca dei fatti, l’anziana madre si vide costretta a rifugiarsi presso l’abitazione dei vicini che, resisi conto di quanto era accaduto, diedero l’allarme ricorrendo alle forze dell’ordine. I militari, intervenuti sul posto, trovarono la donna spaventata e fortemente traumatizzata, intenta a medicarsi le ferite.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleDa Corto Maltese alla Fòcara. A tu per tu con il maestro Lele Vianello
Next articleBarbara Lezzi a Novoli, il prossimo 22 gennaio: si parlerà di Riforme e soluzioni nell’interesse del Paese